Progetti

ACCADEMIA IMAGO di NAPOLI

Scuola di Specializzazione in Psicoterapia

 GRUPPI DI STUDIO

TEATRO

ne "Le 3 (i)stanze"

Le prove

Due Romano coalizzati da legami di sangue, una che si chiama Tannoia insieme ad uno che si chiama Vitale…insomma il cocktail è perfetto. E la Perretta? Bhè, il cocktail è per lei!

L’appuntamento per il primo giorno di prove è proprio a casa sua, nella ridente cittadina di Santa Maria Capua Vetere, via Santella Parco delle Mimose, 1(informazioni utili per quanti vorranno vendicarsi dopo aver visto lo spettacolo). La Perretta ha provato ad accogliere il resto della ciurma teatrale fingendo di essere una brava donnina di casa, tutta dedita a caffè e biscottini prima di cominciare, ma l’impresa è nettamente fallita: il caffè lo ha dovuto preparare quella povera donna che lei chiama madre (invani sono tutt’oggi i tentativi della donna di disconoscere Teresa come figlia), e inoltre, a rovinare l’atmosfera di grande pace e concentrazione che Peppe, Michela, Katia e Antonio stavano cercando di creare, si sono messe quelle foto (che presto saranno pubblicate su questo sito) disseminate in tutta la casa. Le raffigurazioni di Christina Ricci, la piccola Mercoledì de La Famiglia Addams, personaggio alquanto inquietante, erano ovunque e poco facilitavano la messa a proprio agio degli ospiti-attori. Era difficile poter cominciare le prove: le sigarette venivano accese una dopo l’altra, come in una scena d’alta tensione, in attesa che un quadro all’improvviso cadesse o che lo specchio si rompesse da solo. Gli sguardi che si cercavano, le mani sudate e la tensione fredda lungo la schiena e le gambe facevano da padroni. Solo la Perretta sembrava tranquilla. A un certo punto è lui, Antonio Vitale, il più coraggioso, a prendere in mano la situazione: “Teresa, perché ci fai questo?cosa significano queste foto?”.

E lei: “Hai visto? Qui era il giorno della mia comunione, e quest’altra invece a carnevale!”.

È stato proprio in quell’attimo, in quel preciso momento, che i ragazzi hanno sentito di aver dato inizio a una delle avventure più esilaranti della loro vita. Passato il mal di pancia per le grosse risate, tutta la prova è scivolata come se quel testo psicoteatrale fosse la cosa più naturale del mondo e come se i personaggi fossero stati da sempre interpretati da loro: Antonio Vitale, nelle vesti di Marco Rossi, Michela Romano, ovvero la valletta dello psicoforum, Peppe Romano, ossia Es, Katia Tannoia, a interpretare il SuperIo e Teresa Perretta, nei doppi panni della Mamma e di Iole(i), ma con la promessa di interpretare Mercoledì nel prossimo spettacolo.

A presto con la seconda prova e i nuovi personaggi de “Le tre (i)stanze”.

 

Momenti

  • Laboratorio di Psicologia della Relazione di aiuto - Prove d’esame conclusive del Master in arteterapia

    Leggi di più
  • Scuola triennale Arte che cura. Laboratorio di Psicologia della Relazione di aiuto.

    Leggi di più
  • Scuola triennale di Arte che cura - Laboratorio di Psicologia della Relazione di aiuto

    Leggi di più
  • Stage "Lo psicodramma"

    Leggi di più
  • Teoria e pratica del lavoro di gruppo - Master Arteterapia

    Leggi di più
  • Laboratorio di Gestalt per l'infanzia

    Leggi di più
  • Teatroterapia e teatro spontaneo

    Leggi di più
  • Arteterapia Narrativa e visiva ai tempi del Coronavirus

    Leggi di più
  • Diario di Viaggio - Arteterapia Narrativa e Psicodramma

    Leggi di più
  • Laboratorio di Musicoterapia

    Leggi di più
  • Arteterapia Narrativa - Laboratorio Psicologia Relazione d'Aiuto

    Leggi di più
  • Master Arteterapia - Laboratorio Psicologia Relazione d'Aiuto

    Leggi di più
  • La Generatività - Progetto Per aspera ad astra

    Guarda
  • Giornata della colleganza 2020 - La melanconia secondo l'Accademia Imago

    Guarda
  • Confronto Intervista Alberto Vito e Massimo Doriani sul Covid-19

    Guarda
  • Arte che Cura 2019 - Quando l'Arte incontra l'Impresa

    Guarda
  • Arte che Cura 2019 - La Premiazione

    Guarda